Entrare nel mondo del cartongesso: 4 risposte ai dubbi iniziali
Vantaggi
<< Indietro

Di seguito le risposte ai dubbi più comuni dei rivenditori edili che intendono espandere la propria attività, commercializzando prodotti attinenti al mondo del cartongesso.

 

Iniziamo con il dire che la scelta, già compiuta da moltissimi rivenditori, va nella direzione indicata dal mercato. I sistemi a secco, infatti, rappresentano la soluzione a un numero sempre maggiore di esigenze, sia per ciò che riguarda le ristrutturazioni che le nuove costruzioni.

 

Analizziamo quindi domande e perplessità.


 

"Quanto materiale devo acquistare, come primo ordine, per entrare nel mondo del cartongesso?"

 

Andrebbero valutati elementi pratici (localizzazione, presenza di altri rivenditori in zona, dimensioni dello store, ecc.). In ogni caso il consiglio base è quello di effettuare un ordine di 5 - 8 pallet, prevedendo tipologie di lastre, profili, accessori e stucchi.

Con un investimento complessivo inferiore ai 10mila euro, in pratica, una rivendita è pronta ad avviare il commercio di sistemi a secco per l'edilizia.

Un investimento inferiore comporterebbe di fatto il rischio di non essere in grado di rispondere alle esigenze degli applicatori che, di conseguenza, si rivolgerebbero a rivenditori più forniti.

LEGGI ANCHE: "Ordini di cartongesso nessun minimo e massima flessibilità"

 

"Quanto deve essere grande il magazzino?"

 

Ci sentiamo di dire che una dimensione media da prendere come riferimento è di circa 200 metri quadrati.

Questa metratura non rappresenta un uso esclusivo di spazi connessi ai prodotti dei sistemi basati sul cartongesso, ma anche per quanto attiene al mercato tradizionale in cemento, mattoni e altre tipologie di prodotto vendute.

 

"Che tipo di assistenza riceverò dal fornitore di cartongesso?"

La scelta del fornitore è, ovviamente, determinante nell'avviamento di un business estremamente complesso come quello del cartongesso.

La prima assistenza, a livello commerciale, viene fornita dal funzionario commerciale presente nella zona di competenza.

Accanto a quella commerciale è bene verificare che l'azienda produttrice sia in grado di offrire un'adeguata formazione tecnica continua, rivolta sia al rivenditore che agli applicatori. In questo modo si otterranno garanzie non solo sulle qualità dei prodotti, ma anche a fronte di eventuali difficoltà che si potrebbero presentare nella fase di applicazione.

Ultimo, ma non meno importante in un'ottica di ottimizzazione commerciale, il supporto marketing che le aziende leader di mercato sono in grado di offrire per il corretto allestimento del punto vendita.

Parliamo di brochure, cartelli, roll-up e altro materiale che dovrebbe essere presente nel kit di prima fornitura, finalizzati a coinvolgere i clienti e a sensibilizzarli rispetto al mondo del cartongesso, durante la visita nello store.

LEGGI ANCHE"8 motivi per diventare rivenditore Knauf di cartongesso"

 

"Esistono delle assicurazioni sui prodotti attinenti al mondo del cartongesso?"

 

Esiste una garanzia, generalmente di 10 anni, sui prodotti, ma al contempo sono applicabili assicurazioni specifiche su specifiche tipologie di interventi (come il cappotto termico) che vanno valutate ad hoc.

KNAUF
di Knauf S.r.l. S.a.s.